Gatto Delle Foreste Norvegesi Club di Razza del Gatto NorvegeseGatti delle foreste norvegesi Gatto di Razza Club ASI

Gatto Norvegese delle Foreste, Gatto Norvegese Club

La vita del Gatto Norvegese in casa

La vita in casa per un gatto di razza tra cui il Norvegese delle Foreste è un fenomeno frequente, anzi consuetudine, poiché noi viviamo per lo più in appartamento e vogliamo salvaguardare il nostro gatto dai pericoli rappresentati dall’ambiente urbano. Il gatto norvegese si è ben adattato a questa nuova situazione.

Il gatto norvegese, essendo un animale predatore e attivo, necessita di fare movimento, non solo perché è nella sua natura, ma anche per mantenersi in salute.  L’attività fisica migliora la circolazione del sangue, la funzione cardiaca e polmonare, rafforza i muscoli, mantiene le articolazioni mobili, migliora la funzione immunitaria, è antistress, favorisce il sonno profondo, stimola il cervello, mantenendo e favorendo la prontezza mentale.

Altrettanto rilevante per la salute del gatto norvegese è il riposo: permettiamo loro di poter dormire tranquilli e rilassati, cosicchè possano recuperare le energie e il loro sistema immunitario si rivitalizzerà.

Un’ottima soluzione che soddisfa molti bisogni del nostro gatto norvegese è il tiragraffi. E’ un struttura formata da più ripiani ricoperti da moquette o cuscini staccabili e lavabili (quest’ultima soluzione più pratica e igienica) , cuccette chiuse con una piccola apertura per permettere al micio di entrare e stare al “riparo” quando sente il bisogno della sua “privacy” , da pali di sostegno ricoperti in genere da corda in sisal, dove può “farsi” le unghie e fare stretching,  in commercio si trovano diversi modelli di tiragraffi, per tutte le esigenze e gusti.  

Se abbiamo la fortuna di avere una terrazza, il nostro gatto norvegese potrà godersi un po’ di sole. Il gatto norvegese, però, essendo un predatore, nel cercare di afferrare un insetto o un uccellino, potrebbe perdere l'equilibrio o addiruttura saltare....nel vuoto!!!.

Mettiamo in sicurezza la nostra terrazza, utilizzando delle apposite reti di protezione perchè il più alto tasso di mortalità tra i gatti è e resta ancora l'incidente casalingo.

Fate attenzione alle piante che abbiamo in casa e che acquisteremo in futuro: alcune sono velenose se masticate dal nostro felino. Tra queste la dieffenbachia, la digitale, il mughetto, l’oleandro, il glicine, il tasso, ecc.  Usiamo invece tenere qualche vasetto di apposita erbetta che il gatto non mangia solo quando non si sente bene per favorire il vomito, ma anche per piacere, perché ne gradisce il gusto.

Il gatto, come primo dicevamo, è un predatore. Sappiamo che quando cattura le prede non le mangia subito, ma ci “gioca” .  Per soddisfare questo suo bisogno possiamo mettere a loro disposizione un giochino che mima la prenda, per es un topino che si carica a molla, qualche pallina leggera che rimbalza. Anche noi possiamo contribuire al loro gioco: con una apposita mini torcia ,che troviamo nei pet shop, possiamo far “correre” la piccola luce lungo un corridoio o una stanza: il gatto l’inseguirà e cercherà di afferrarla. 

Per stimolare la sua intelligenza e curiosità  esitono altri tipi di giochi dove il micio dovrà impegnarsi per conquistare un premio a lui gradito. Se ne trovano in commercio, ma possiamo anche noi costruirne uno casalingo. Prendiamo un contenitore per  uova  vuoto, mettiamo qualche bocconcino che sappiamo che il nostro micio ama particolarmente, e lasciamo il contenitore semichiuso. Il gatto cercherà di alzare il coperchio e prendere il suo premio con la zampina.

Copyright @2016-2018 Associazione SkogKatt Italia, ASI, Club di Razza del Gatto delle Foreste Norvegesi Riconosciuto da Associazione Nazionale Felina Italiana, ANFI, e Federazione Internazionale Felina, FIFè

CLUB RICONOSCIUTO ANFI-FIFè

Gatto Norvegese, Club di Razza Gatto Norvegese Anfi LogoGatto dellle Foreste norvegesi Logo Fifè